Investimenti sostenibili e responsabili: come i millennial stanno trainando il mercato

da | Feb 2, 2017 | No Category, SRI News

Chiunque voglia attrarre i giovani investitori facoltosi dovrebbe prendere in considerazione gli investimenti sostenibili e responsabili. (SRI)

Oltre un quarto degli investitori di età inferiore ai 45 anni ha allocato almeno il 25% dei suoi investimenti in società sostenibili e responsabili, secondo uno studio della società statunitense Spectrem Group. Questo dato si contrappone a quello degli investitori di età superiore ai 45 anni, che per oltre il 45% non investono in società sostenibili e responsabili. La Spectrem ha condotto un sondaggio su 3.070 investitori con un patrimonio compreso tra i 100.000 e i 25 milioni di dollari statunitensi.

Come i Millennial stanno trainando il mercato

Per quasi la metà (il 49%) dei Millennial con un patrimonio superiore al milione di dollari, la responsabilità sociale è un fattore tenuto in considerazione nella scelta degli investimenti, secondo la ricerca della Spectrem. Questo dato si contrappone al 43% della Generazione X, al 34% dei Baby Boomer e al 27% degli investitori senior. In generale, più l’investitore è giovane e più ha familiarità con gli investimenti sostenibili e responsabili. Tra gli investitori con età inferiore ai 36 anni, la familiarità con gli investimenti sostenibili e responsabili si attesta a 47,42, mentre la familiarità con gli investimenti ad impatto sociale arriva a 35,76.

Per i Millennial non milionari, la responsabilità sociale è risultata ancora più importante. Il 53% effettua scelte di investimento sulla base di fattori sociali, contro il 42% degli appartenenti alla Generazione X, il 41% dei Baby Boomer e il 39% dei senior.
La ricerca della Spectrem ha inoltre riscontrato che i Millennial sono i più cinici nei confronti delle imprese che si definiscono socialmente responsabili. I tre quarti dei Millennial milionari (a fronte del 49% complessivo) affermano di ritenere che il comportamento sostenibile e responsabile delle imprese sia solo una faccenda di pubbliche relazioni, secondo un altro studio della Spectrem condotto nel 2013.

Chi conosce meglio gli SRI

La Spectrem ha rilevato che la familiarità con i principi SRI è maggiore tra gli investitori più giovani, e che gli investitori più abbienti dimostrano la maggiore dimestichezza con gli investimenti sostenibili e responsabili.
La Spectrem ha chiesto ai soggetti intervistati di dare un voto alla loro familiarità con termini correlati agli SRI su una scala da 0 (nessuna familiarità) a 100 (elevata familiarità). Nel complesso, la familiarità con gli SRI si è attestata a 46,75. La familiarità con gli investimenti a impatto sociale si è invece fermata a 28,94.

Gli investitori estremamente facoltosi (ultra-high net worth), ovvero quelli con un patrimonio tra i 5 e i 25 milioni di dollari USA, hanno riferito una familiarità con gli investimenti sostenibili e responsabili pari a 55,11, ben al di sopra della media. La familiarità fra gli investitori mass affluent, con un patrimonio tra i 100.000 e il milione di dollari, si attesta a 42,24.
Gli uomini riferiscono una maggiore familiarità con questo tipo di investimento delle donne, con punteggi rispettivamente di 49,27 e 42,37. La familiarità con gli investimenti a impatto sociale, invece, hanno ottenuto un punteggio di 31,22 per gli uomini e di solo 25,02 per le donne.

Perché e Dove

La ragione principale che spinge gli investitori a scegliere di investire in aziende sostenibili e responsabili è la creazione di un mondo migliore per i propri figli e nipoti, secondo la Spectrem. La maggioranza degli investitori che non scelgono investimenti sostenibili e responsabili investe esclusivamente per il guadagno economico.
Il risparmio idrico, la promozione dell’alimentazione sana e dell’esercizio fisico, lo sviluppo dell’energia solare sono i tre principali obiettivi degli investitori sostenibili e responsabili.